venerdý, 01 agosto 2014 15:52
Advertisement
Home Page arrow Dal Mondo arrow Notizie dal Mondo arrow Terminato il voto degli Italiani all'estero

Menu principale
Home Page
Chi Siamo / Who we are
L'Associazione
Calabria Mondo
Redazione
Per contattarci e per associarsi
Editoriali
Dalla Calabria
Dall'Italia
Dal Mondo
Donne di Calabria
L'Unaie
Blog
Notizie ed Eventi
Consulenza legale
Paesi e bellezze di Calabria
UniversitÓ e ricerca
Indirizzi utili
Ricerca
Amministratore
Terminato il voto degli Italiani all'estero PDF Stampa E-mail
Scritto da Gennaro Amoruso   
domenica, 13 aprile 2008 13:05

Ha partecipato il 41,66% degli aventi diritto

 Dei 2.924.202 italiani residenti all’estero aventi diritto al voto (nel 2006 erano 2.707.988), alle ore 16.00 del 10 aprile, termine ultimo per riconsegnare le schede votate ai rispettivi consolati di appartenenza, hanno votato in 1.204.720 (nel 2006 1.135.617), pari al 41,66% dei plichi inviati. Rispetto al 2006, quando la percentuale è stata pari a 42,07%, l’affluenza al voto è dunque diminuita di poco meno di un punto percentuale, a dimostrazione che la bonifica dell’Aire, che pure necessita degli ulteriori miglioramenti, ha dato i suoi frutti. Lo dimostra anche la percentuale di plichi tornati indietro ai Consolati per la mancata consegna: si tratta del 7,18% del totale delle schede inviate, due punti in meno rispetto alle ultime elezioni, quando la percentuale si attestò a 9,20%. In definitiva, dunque, sul totale dei plichi recapitati ha votato il 44,88% degli aventi diritto al voto, contro il 46,33% di due amnni fa. Ad annunciarlo il vice ministro agli Affari Esteri, Franco Danieli, che, insieme al direttore generale Adriano Benedetti, ha presieduto oggi alla Farnesina, la conferenza stampa di presentazione dei dati sul voto all’estero per le politiche del 13 e 14 aprile.
Domani, i plichi inizieranno ad arrivare all’aeroporto di Fiumicino e da lì saranno poi portati a Castelnuovo di Porto, dove lunedì saranno scrutinati insieme alle schede italiane.
Intanto oggi sono stati resi noti i primi dati sul voto dei nostri connazionali, dati che, ha osservato Danieli, sono "definitivi", se pur suscettibili nelle prossime ore di minimi cambiamenti.
Tra i dati più interessanti, oltre a quelli già riportati, ci sono quelli delle singole ripartizioni in cui è divisa la circoscrizione estero. Qui si registra una "lieve" flessione in tre ripartizioni: ha infatti votato il 39,36% in Africa-Asia-Oceania (42,12 nel 2006), il 36,24% in Nord e Centro America (37,30%) ed il 36,65% in Europa (38,44). Boom di partecipazione al voto, invece, nell’America Meridionale dove ha votato il 58,53% degli aventi diritto, contro il 51,81% dell’ultima tornata elettorale.
E proprio in Sud America si trova il Paese che ha registrato il più alto numero di votanti: è l’Argentina dove ha votato il 63,04% dei connazionali, contro il 56,33% del 2006. Seguono in lieve flessione l’Uruguay con il 54,50% (63,49% nel 2006) dei votanti e la Svizzera con il 47,32% (50,45); cresce invece - e nonostante lo sciopero del servizio postale, che tanto aveva allarmato in questi ultimi giorni - il Brasile con il 47,30% di affluenza al voto (45,28). E poi ancora il Canada, dove ha votato il 40,25% dei connazionali (43,34), ed il Venezuela, dove la partecipazione è stata molto più bassa che nel 2006, con il 37,81% di votanti rispetto al 49,98 di due anni fa.
Tra i Paesi che hanno registrato una più alta partecipazione, si segnalano poi: l’Australia con il 37,44% (nel 2006 ha votato il 41,29%), la Germania con il 33,34% (35,80), il Regno Unito con il 33,32% (34,21), gli Stati Uniti con il 33,15% (33,33), il Belgio con il 31,85% (33,14) e la Francia con il 30,83 (30,33). Nonostante alcuni dati siano in flessione, bisogna qui considerare che, per via del maggior numero di aventi diritto al voto e dell’effettivo numero di schede votate, in valore assoluto tutti i dati sono comunque in crescita.
Un’analisi a parte va riservata ai 14.827 cittadini italiani temporaneamente all’estero, divisi a loro volta tra i 3.757 militari impegnati all’estero che hanno votato per 11 circoscrizioni elettorali italiane, quelle di rispettiva appartenenza, e la cui percentuale di partecipazione al voto è stata quasi totale, attestandosi al 99,65%, e gli 11.070 dipendenti dell’Amministrazione Pubblica che insieme ai docenti ed ai ricercatori universitari hanno votato, nella circoscrizione Lazio 1, al 95,42%. In totale l’affluenza degli elettori temporaneamente all’estero è stata del 96,51%.


Top!